Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 11 novembre 2016

Quello che Franco Ferrari non scrive sul.Club Bilderberg.



Che fine hanno fatto i nostri soldi e la nostra sovranità?
Per capire chi c'è dietro la crisi ,per capire se sia scoppiata spontaneamente o sia fatta esplodere ad arte oppure per colpa della corruzione della classe politica italiana,bisogna conoscere le manovre del Club Bilderberg,sapere chi ne faccia parte e quali legami uniscano queste persone alle grandi istituzioni che,nella situazione estrema di cui siamo testimoni,si sono poste come portavoce e presunti salvatori.
Ancor adesso la maggior parte della cittadinanza è completamente all'oscuro dell'esistenza,delle attività e degli obiettivi del Club.
Esiste una piramide bancaria o di potere economico mondiale al cui vertice si trova l'elite globale ,costituita dall'1%della popolazione che controlla e gestisce oltre il 90% delle risorse finanziarie mondiali.
Al secondo livello troviamo il Fondo Monetario Internazionale,la Banca Mondiale,la Banca dei Regolamenti Internazionali,la Commissione Bancaria Internazionale,che sono banche di pagamento internazionale e che a loro volta si trovano nelle mani di chi occupa il vertice.
Il terzo livello del poliedro sono le banche centrali :la BCE ,la Fed,la Banca di Spagna,la Banca d'Inghilterra e il loro equivalente in tutti gli altri Paese.Il secondo e il terzo livello sono nelle mani dei gruppi di potere dei Paesi piu potenti:Stati Uniti, Gran Bretagna,Olanda,Russia e Germania.
Al quarto e ultimo livello ci sono le banche private ,come Chase Bank,Barclays ,National Westminsters ,Goldman Sachs ,Citibank,Bbva, Grupo Santander e i loro equivalenti nelle varie aree del mondo.
È in questa elite bancaria che risiede il controllo finanziario globale; un'elite distribuita a scalare ,secondo una gerarchia,in cui gli ultimi tre livelli sono subordinati alla cupola.
Affinché la crisi globale porti ai risultati voluti, è necessaria in simultanea una guerra su un altro fronte:quello psicologico .
Tutto quello  che ci si aspetta da un'arma tradizionale ce lo si aspetta da un'arma silenziosa,da parte dei suoi creatori ,ma variano le modalità d'azione.
La società non può comprendere quest'arma e perciò non può credere di essere sotto attacco e soggiogata da un'arma.
Può sentire istintivamente che qualche cosa non va,ma a causa della natura tecnica di quest'arma silenziosa,non può esprimere il proprio sentimento in modo razionale ,né occuparsi del problema  con intelligenza.Perciò,non sa come chiedere aiuto né come associarsi ad altri per difendersi contro di essa.
Quando un'arma silenziosa viene introdotta gradatamente,la gente si adegua,si adatta alla sua presenza e impara a tollerarne l'impatto sulla propria vita fino a che la pressione (psicologica ed economica) diviene troppo grande e a quel punto la gente affonda.

Nessun commento:

Posta un commento