Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 27 gennaio 2017

Il terrorismo di oggi? Merito della Massoneria...



Nel corso di decenni è stata creata una polveriera che si chiama Islam ,ma darle questo nome è un abuso nei confronti della dottrina religiosa in questione ,modificata,redatta ,interpretata nell'ignoranza e nell'arretratezza,sponsorizzata dai sattapi del petrolio,e dai potenti protetti dall'Occidente per incrementare odio e integralismo da utilizzare per l'autoconservazione  di
un potere assoluto e cieco.Quando si dice Islam,automaticamente si pensa al mondo arabo ,ma la logica delle divisioni etniche in questo caso non aiuta .Il popolo turco non è arabo e neanche quello afgano e neanche la quasi metà del popolo indiano islamico e di quello africano.
In realtà la religione islamica è diventata il collante di popolazioni quasi abbruttite dall'ignoranza e dal bisogno,tramite una rete di Imam e presunti padri spirituali la cui presenza e la cui legittimazione era stata la prima cosa assolutamente proibita del Profeta.
Il problema che noi chiamiamo integrazione  è stata solo la trasmissione di schemi consumistici e disumanizzanti che non.solo non ha soppiantato il potenziale esplosivo del vecchio terrorismo,ma si è limitata a fare impallidire all'ennesima potenza quel minimo di ragioni/torti etico-ideali che ne consentiva la comprensione e manteneva un minimo di possibilità di recupero umano e sociale .Aiutata  dalla sapiente diffusione di nuove droghe raffinate e di ulteriori adattamenti snaturati della religione islamica,la mutazione antopologica del terrorista si è ulteriormente evoluta: da esseri comunque umani a macchine del terrore.
Il neoterrorismo ha la funzione di impedire che l'Europa si liberi dal giogo monetario delle banche e dalla soggezione al potere finanziario,scopo che rende indispensabile la conservazione di in potere politico utile e comodo per la permanenza dello status quo e delle sue componenti fondamentali:complicità,ignoranza ,debolezza ,egoismo e incompetenza.

Nessun commento:

Posta un commento