Anglotedesco

Anglotedesco

mercoledì 1 febbraio 2017

ALBERTO BAGNAI:"I poveri non si arricchiscono comprando prodotti meno cari"



Se fosse vero che i poveri si arricchiscono comprando beni meno cari (cioè con la globalizzazione) ,anziché guadagnando di piu (cioè tutelando  i propri diritti,magari assistiti da un sindacato) ,dal 1989 al.2016,mentre la quota di importazioni cinesi sul totale passava dal 3% al 21% ,la quota salari negli Usa sarebbe dovuta aumentare e invece è scesa (dal 61% al 58%).Veniamo a noi: articolare il modello di crescita sulle esportazioni (cioè su un ammontare insostenibile di importazioni altrui) anziché su una espansione sostenibile dei consumi interni,come fa la Germania,significa negare i benefici  del commercio.Creare un regime monetario nel quale la propria valuuta è artificialmente sottovalutata significa infatti rendere piu cari per i propri cittadini i prodotti altrui,cioè equivale a mettere un dazio.Per capirci:se avessero un marco forte come il loro Paese,i tedeschi in estate popolerebbero ancora l'Adriatico.
 Allora,prima di stracciarci le vesti  sui dazi Trump forse metterà,dovremmo interrogarci seriamente sul dazio che "locomotiva" tedesca ci sta nei fatti imponendo da quasi venti anni.I prodotti esteri hanno tanti pregi,fra cui quello di costare poco,ma hanno un amico grosso difetto:creano lavoro all'estero.Riflettiamoci.

ALBERTO BAGNAI -Il Fatto Quotidiano del 1 Febbraio 2017

Nessun commento:

Posta un commento