Anglotedesco

Anglotedesco

Secondo voi chi fa piu danni all'Italia Draghi o Berlusconi?

lunedì 13 marzo 2017

Il 1989 e il crollo della classe media italiana



Negli ultimi dieci anni sono aumentate povertà e disoccupazione.Nel 2007,prima dell'inizio della crisi,gli italiani che vivevano sotto la soglia di povertà erano 1,8 milioni.Nel 2015 hanno raggiunto i 4,6 milioni,quasi l'8% della popolazione.Il tasso di disoccupazione è passato dal 6,7% nel 2008 al 12% nel 2016.Il tasso di disoccupazione giovanile è del 40%,nel 2008 era la metà.Le categorie di persone che hanno piu difficoltà a trovare lavoro sono i neodiplomati e i neolaureati.Il tasso di disoccupazione giovanile è del 40%,nel 2008 era la metà.
L'ultima crisi,cominciata nel 2008 e  non ancora finita ,ha invece spostato verso il basso gli standard di vita di una fetta molto piu ampia di popolazione.Oggi ad avere problemi economici non sono solo i poveri:anche la classe media,che secondo la Banca d'Italia rappresenta i tre quarti della popolazione,sta molto peggio di dieci anni fa.
Fino al 1989 il reddito pro capite annuo generato dal lavoro era sempre aumentato.Nel corso delle due crisi successive ,la tendenza si è invertita.Nel 2015 il reddito pro capite è addirittura tornato ai livelli degli anni settanta.Nel 1989 lo stipendo netto annuale di un impiegato equivaleva,come potere d'acquisto , a 20.000 euro di oggi,mentre nel 2015 era di 17.000.Nello stesso periodo le pensioni medie sono quasi raddoppiate,passando come potere d'acquisto da 7.000 a 13.000.Anche i redditi da beni immobili sono aumentati ,quindi le famiglie dipendono sempre di piu dalle pensioni e dagli immobili delle generazioni precedenti.
Fino alla fine degli anni 80' gli italiani riuscivano a risparmiare e a comprare immobili.E di questo che vive ancora oggi la classe media.I giovani abitano in case acquistate dalle generazioni precedenti in tempi migliori.Secondo il Pew research center,neanche un italiano su quattro riesce a mettere da parte qualcosa per la vecchiaia.Sono sempre di meno le persone con un posto fisso e quindi anche quelle che in futuro avranno una pensione.

Nessun commento:

Posta un commento