Anglotedesco

Anglotedesco

mercoledì 12 aprile 2017

JUNKER:"Impensabile l'Italia fuori dall'euro e in Francia tiferò contro Le Pen"



"Intanto mettiamo subito in chiaro che escludo un'uscita dell'Italia dall'euro.Detto questo,mi rattrista  vedere che il Paese perde competitività di giorno in giorno,di anno in anno.Ci sono riforme strutturali importanti che vanno fatte,sia pure con saggezza.L'Italia deve ritrovare un tasso di crescita che oggi è troppo debole.L'Europa le ha dato spazi che occorre saper sfruttare.La flessibilità ha permesso al Paese un margine di manovra senza che la mannaia del Patto di stabilità gli cadesse sul collo.I bassi tassi praticati dalla Bce offrono una tregua di cui deve saper approfittare.Abbiamo apprezzato la riforma del mercato del lavoro.Osservo con simpatia la serietà e gli sforzi con cui il governo Gentiloni affronta la crisi delle banche.Noi vogliamo che il sistema bancario italiano esca piu forte e robusto da questa fase difficile.Vedo gli sforzi per correggere i conti pubblici.Se prende le iniziative giuste l'Italia ha tutti gli strumenti per diventare una forza motrice dell'Europa".

"Spero che vincano le forze pro-Europa in Francia e mi schiero a tutto campo con loro.Non vorrei neppure sminuire il rischio che Le Pen rappresenta,che è serio.Ma credo anche che l'Europa sia piu forte dell'estrema destra.L'identità dell'Europa è profonda e viene da molto lontano.Credo che l'Europa avrà la forza di superare a questa difficoltà,che durerà forse a lungo ma sarà comunque transitoria".

Da La Repubblica del 12 aprile 2017-Andrea Bonanni e Alberto D'Argenio

Purtroppo la maggior parte della gente non capisce che il problema è il neoliberismo e prendono per oro colato quello che dice il presidente della Commissione Europea.

Nessun commento:

Posta un commento