Anglotedesco

Anglotedesco

mercoledì 19 luglio 2017

Ora non ci sono piu dubbi che a far crollare le Torri Gemelle non erano stati gli aerei




RICORDIAMOCI SEMPRE CHE:

- La struttura portante delle torri gemelle,che ufficialmente venne completamente distrutta dalla collisione dei velivoli,era stata progettata per resistere a impatti aerei multipli di qualsiasi tipo.

-Le Torri Gemelle ,diversamente da tutti gli altri grattacieli distrutti dagli incendi ordinari,precipitarono a velocità di caduta libera,esattamente come avviene durante le demolizioni controllate.

-Testimoni attendibili,come i pompieri e il custode degli edifici William Rodriguez,impegnati nel salvataggio delle persone,affermarono di avere udito le esplosioni tipiche delle demolizioni controllate dare inizio ai crolli.

-Una parte considerevole dei piloni d'acciaio (che fondono a oltre 1500 c) e del cemento armato degli edifici vennero ridotti in polvere finissima da altissime temperature,assolutamente incompatibili con quelle sviluppate normalmente dal carburante degli aerei,che può arrivare al massimo a 800 c.

-I filmati ufficiali dell'attentato hanno registrato il suono delle esplosioni,le immagini e gli sbuffi tipici delle esplosioni delle demolizioni controllate.

-Gli esperti non governativi  hanno trovato tracce evidenti del particolare tipo di esplosivo (termine) utilizzato per le demolizioni nelle fondamenta degli edifici.

-Il giornalista  William Langewiesche ebbe modo di ispezionare tutta la zona di "Ground Zero" chiusa al pubblico e rimase impressionato dalla massa di acciaio che continuava a rimanere allo stato fuso nonostante  non vi fosse piu nessuna apparente fonte di calore (solo esplosivi come la termite producono effetti simili).Langewiesche testimoniò infatti quanto segue:"i primi giorni,dei ruscelli di metallo fuso colavano dai punti piu caldi e scorrevano tra le pareti in frantumi delle fondamenta.
Ben 5 mesi dopo l'attentato,c'erano ancora pezze di acciaio allo stato liquido nel sottosuolo e il vigile del fuoco Joe O'Toole vide estrarre una trave dalle macerie che "inspiegabilmente" grondava acciaio fuso.Un evento che si può verificare solo nelle demolizioni controllate,in cui vengono utilizzati esplosivi molto potenti dalle particolari caratteristiche chimiche.

-Osama Bin Laden,la presunta mente dell'attacco terroristico,aveva lavorato per l'intelligence americana e l'11 settembre 2001 la sua famiglia era ancora in affari con i Bush (la dinastia di petrolieri texana che si è trasferita la presidenza della Casa Bianca di padre in figlio).

-Al Qaeda,la famigerata organizzazione terroristica a capo della presunta guerra islamica contro l'Occidente ,era stata  creata dalla CIA durante la guerra tra Afghanistan e Unione Sovietica.

-Durante gli attentati dell'11 settembre,tutte le difese  aeree americane,tutte le difese aeree americane vennero confuse dalla simultanea presenza di un'esercitazione militare che riguardava proprio gli attacchi terroristici per mezzo degli aerei civili.L'impiego combinato di simulazioni praticamente identiche agli attentati che si stanno effettivamente realizzando nello stesso momento è una tecnica utilizzata normalmente dall'intelligence per coprire  le sue operazioni.Non a caso,la medesima incredibile coincidenza si è verificata  anche negli  attentati alla metropolitana di Londra del 2005.

-Al Anjour e al Mihdlar,due dei terroristi che sarebbero nati a bordo del volo Aa77,vissero gli ultimi dieci mesi prima dell'11 settembre  2001 a San Diego,nella casa di un agente dell'FBI.Erano sotto la protezione dell'intelligence  ed entrarono negli Usa con un visto multiplo concesso direttamente dagli uomini dei servizi.

-La Twin Towers,erano già state colpite da un altro attentato,in cui persero la vita cinque persone e ne rimasero ferite circa 300,Salem consegnò il nastro della sua telefonata al New York Times e al Chicago Tribune.Il contenuto della conversazione venne pubblicato solo una volta  lo scandalo venne rapidamente insabbiato.

-Nell'attentato vennero colpite solo le due Torri Gemelle,ma anche il vicino edificio del WTC 7 crollò nello stesso identico modo delle demolizioni controllate,a distanza d poche ore (a velocità d caduta lbera,in traiettoria perfettamente verticale e riducendosi in finissima polvere).Il fisico americano Steven E.Jones ha appurato che non vi fu alcuna causa esterna capace di giustificare un crollo di quel tipo.Dallo stesso rapporto ufficiale stilato dalla FEMA è possibile verificare che il grattacielo WTC 7 non venne mai colpito dalle macerie delle Torri Gemelle,in quanto fu investito solo dalla nuvola di polvere e da piccoli detriti nfuocat che causarono incendi di lieve entità.

da www.maurizioblondet.it


L’agente della CIA in punto di morte confessa: “11 settembre operazione interna”




Dopo essere stato rilasciato da un ospedale del New Jersey il venerdì con poche settimane di vita rimaste, Malcolm Howard, 79 anni, un ex operatore della CIA sta raccontando tutto.
Il signor Howard sostiene di aver partecipato ad un’operazione CIAsegreta per la demolizione controllata del World Trade Center 7, l’11 settembre.
Formato come ingegnere civile, è diventato un esperto di esplosivi dopo la ricerca e gli studi effettuati nella CIA negli anni ’80, dove ha trascorso 36 anni della sua vita come operatore.
Durante la sua carriera ha acquisito conoscenze e esperienze approfondite in esplosivi e afferma di avere la possibilità di piantare esplosivi in ​​qualsiasi cosa da un accendino a un edificio di 80 piani.

“QUALCOSA NON ERA GIUSTO”
Tra il maggio 1997 e il settembre 2001, Howard ha partecipato ad un’operazione CIA segreta chiamata “New Century“.
Lui, insieme a quattro altri operatori della CIA, era incaricato di assicurare che la demolizione dell’edificio del World Trade Center 7andasse a buon fine senza problemi.
Confessa che questa demolizione controllata era diversa dal resto perché “doveva fare finta che non fosse un lavoro di demolizione.”
All’epoca non aveva problema a svolgere il compito. Dice che essendo un patriota e non si è mai domandato nulla dei lavori che faceva per la CIA e per il governo, ma ammette che ora, guardando indietro nel tempo, “qualcosa non era giusto“.
L’EDIFICIO (WTC7) È STATO ABBATTUTO CON ESPLOSIVI
Il signor Howard sostiene che l’edificio è stato abbattuto utilizzando materiali compositi a base di “Nano Thermite”, come qualsiasi altra demolizione controllata.
Nel corso del mese che hanno portato all’11 settembre, gli esplosivi sono stati strategicamente posizionati attraverso l’edificio.
All’epoca quasi tutti gli uffici dell’edificio sono stati affittati dalla CIA, dai Servizi Segreti e dal personale militare, che ha fatto il suo lavoro per ottenere gli esplosivi nell’edificio senza nessun sospetto.

Infine, l’11 settembre, gli esplosivi del World Trade Center 7 sono stati accesi e l’edificio è crollato alle 5,20 circa, quasi 7 ore dopo i primi due edifici, lasciando testimonianza di quanto sia scomparso rapidamente l’edificio.
Il signor Howard confessa che una volta che l’edificio è andato giù lui e i suoi colleghi hanno festeggiato con whisky e sigari.
Tuttavia, dopo aver esaminato i nastri rapidamente si era preoccupato. Dopo aver visto il modo in cui il Trade Center  (le torri gemelle) era crollato, temeva che il pubblico diventasse sospetto.
Dice: “Abbiamo cominciato a preoccuparci perchè sembrava troppo ‘liscio’,abbiamo guardato ancora e ancora, e abbiamo cominciato a diventare paranoici, sembrava una demolizione controllata. E poi abbiamo sentito che le persone della strada avevano segnalato che avevano sentito le esplosioni nel pomeriggioQuando ci è stato detto che la BBC aveva annullato la loro relazione e ha annunciato al mondo che l’edificio è crollato 20 minuti prima del previsto … Quando il governo ha infine pubblicato il rapporto ufficiale di quello che era accaduto in quella fatidica giornata, ha sostenuto che il calore del bruciare i detriti dei primi due edifici distrutti avevano in qualche modo danneggiato l’edificio del World Trade Center 7 causando incendi incontrollabili che hanno portato al crollo dell’intero edificio.” 
Howard temeva che il Paese avrebbe potuto chiedersi attraverso le false segnalazioni cosa fosse successo.
Disse: “..Abbiamo pensato che il pubblico ci avrebbe finitoPensavamo che ci potesse essere una rivolta pubblica che gli stessi media non avrebbero potuto ignorare.Avrebbero dovuto finanziare indaginie chiedere di sapere perché era stato mentito…. Tuttavia, nessuno ha messo in dubbio la verità dietro i rapporti e quelli che ci hanno provato sono stati rapidamente abbattuti dai media.”
Mentre Mr. Howard afferma di non avere conoscenza diretta della distruzione delle prime due torri, afferma che non è raro che un operatore della CIA abbia solo conoscenza della propria missione specifica, anche se può essere un piccolo pezzo di un puzzle più grande.
Lascia una parola, un consiglio a coloro che cercano di capire chi sono i veri colpevoli dietro gli attacchi devastanti: “Quando vuoi scoprire chi c’è dietro qualcosa, basta seguire i soldiGuardate i commerci effettuati poco prima dell’11 settembreQuesti sono i ragazzi che sapevano cosa stava per venireI figli degli agenti della CIA, funzionari del governoVicini parenti degli uomini più potenti in America. Cheney, Rumsfeld. Tutti sono ricchi.Non erano solo i contratti accordati ai loro amici nel settore delle costruzioni, la ripresa delle guerre“. Il 79enne, sul suo letto di morte, ha intenzione di vivere le sue ultime settimane di vita a casa. È sicuro che non ci saranno ripercussioni legali per le sue confessioni. Dicendo che “non ci sarebbe mai stata un’indagine reale.L’intero governo dell’ombraè implicato“.
Fonte: HackTheMatrix
Adesso aspettiamo l'opinione di Paolo Attivissimo

Nessun commento:

Posta un commento