Anglotedesco

Anglotedesco

mercoledì 21 marzo 2018

Il volontariato di oggi diventerà il lavoro di domani



Una risposta all'onda della disoccupazione tecnologica di massa in arrivo può arrivare  dalle mansioni di assistenza alle persone,oggi prevalentemente svolte su base volontaria,e che l'intelligenza artificiale non sarà in grado  di eseguire nel futuro.Contributi come l'assistenza agli orfani o agli anziani che devono essere portati da un medico o il dialogo con gli alcolisti nei centri di disintossicazione o,ancora,servire pasti alle mense dei poveri.Il volontariato di oggi potrebbe diventare il lavoro di domani.
Coi sindacati tradizionali impossibilitati a rappresentare lavoratori che formalmente sono figure professionali autonome,senza legami con le ditte alle quale forniscono servizi,l'unico supporto organizzativo viene da associazioni come la Freelancers Union.È in realtà una specie di agenzia di servizi che cerca di procurare,polizze sanitario a un prezzo decente a lavoratori che non hanno piu alle spalle una grossa azienda capace di negoziare,grazie ai suoi grandi numeri,contratti convenienti con le associazioni mediche.

Il rapporto Shift  ,pubblicato al termine di un anno di ricerche della Commission on Work ,Workers and Tecnology,composta da oltre 100 accademici e leader di imprese ,non dà risposte univoche ma traccia quattro scenari possibili nei prossimi 10-20 anni, con ipotesi che prevedono  tanto una drastica contrazione  del numero dei posti di lavoro offerti dal sistema economico quanto la possibilità che essi  vengano rimpiazzati dalla creazione di un numero altrettanto consistente di incarichi  in altri settori.
In tutti i casi,però ,il rapporto sottolinea la necessità di un intervento pubblico correttivo per gestire queste complesse problematiche.Tanto più che ,secondo gli esperti,il lavoro del futuro sarà sempre più frammentato in singoli incarichi specifici:massima flessibilità per le imprese e per il consumatore che otterrà rapidamente ciò di cui ha bisogno,ma molta precarietà,molta incertezza per i prestatori d'opera.Analisi come questa suggeriscono che il cambiamento sarà rapidissimo ,che sapremo solo da un.giorno all'altro cosa servirà ,in termini di capacità lavorative ,per affrontare scenari nuovi come quello della realtà aumentata,o la realtà virtuale,o altre innovazioni che stanno ancora maturando nelle menti degli ingegneri della Silicon Valley.Quindi ,più che sforzarsi di acquisire  le competenze specifiche oggi necessarie per una certa professione ,sta diventando sempre più importante abituarsi alla flessibilità,prepararsi a una vita fatta di una successione di posti di lavoro e mestieri che potranno anche essere molto diversi tra loro: forse anche più lavori da svolgere contemporaneamente.In futuro il lavoro sarà spesso parcellizzato e basato su un percorso opposto a quello attuale:non il soggetto che cerca un impiego  chiedendo di essere assunto da un'azienda,ma l'impresa che va a cercare i lavoratori,mettendoli in concorrenza tra loro dopo aver offerto un pacchetto di compiti da svolgere.

E le prostitute dell'informazione cosa parlano? Di Salvini o del Movimento 5 Stelle.

Nessun commento:

Posta un commento