Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 12 aprile 2018

In arrivo l'ennesima eurotassa



Una nuova eurotassa dello 0,35% servirà a finanziare il fondo europeo anticrisi.Un progetto che vale almeno 400 miliardi per i Paesi dell'eurozona.Piu di cinque solo all'Italia.La proposta non aiuterà la popolarità della Ue. A lanciare la proposta è stato il FMI.Il direttore generale Christine Lagarde esprime una posizione di sicuro molto gradita all'amministrazione Trump.Gli Usa sono il principale finanziatore del Fondo e quindi è difficile ignorare gli orientamenti espressi dalla Casa Bianca.Il ragionamento è il seguente:l'eurozona è l'area piu ricca del mondo.Quindi se ci sono dei problemi si deve arrangiare da sola senza bisogno dei soldi del Fmi.
Ed è proprio da qui che parte la Lagarde perché il fondo anti crisi di cui parla non è altro che l'evoluzione dell'Esf (il fondo salva stati intervenuto in Grecia).Una trasformazione che non è inedita nelle stanze della Ue.Anzi,è un punto centrale della nuova governance cui stanno lavorando Francia e Germania.Inutile dire il testo viene scritto pensando ad una sola cosa:il possibile inciampo dell'Italia.
Il problema piu ancora che finanziario è politico.Il Paese che dovesse chiedere l'intervento del fondo anticrisi perderebbe la sovranità nazionale.Verrebbe infatti sottoposto a una serie di vincoli talmente stretti da azzerare ogni possibilità di politica fiscale e autonoma.La prima versione dello statuto di questo fondo stabiliva che a fissare i paletti dovessero essere gli stessi gestori del fondo.Nell'ultima stesura la palla viene girata.Ma il risultato non cambia: il sorvegliato speciale è l'Italia ed è per questo che la Lagarde chiede di far presto.

Nessun commento:

Posta un commento