Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 12 aprile 2018

La Germania non parteciperà ad azioni militari in Siria






La Germania non si unirà alle operazioni militari e ai possibili attacchi aerei sulle posizioni del governo siriano Bashar Assad in risposta al presunto uso di armi chimiche di Duma. Lo ha annunciato  Angela Merkel, riferisce Reuters.

Dopo i colloqui a Berlino con il suo omologo danese, Lars Lokke Rasmussen, il capo del governo tedesco ha sottolineato che il suo paese non parteciperebbe a possibili operazioni militari contro il regime di Assad.

"Tuttavia, sosteniamo tutte le altre misure di influenza per dimostrare l'inammissibilità dell'uso di armi chimiche", ha aggiunto il cancelliere.

Poco prima, la Merkel al telefono ha discusso della situazione in Siria con il presidente francese Emmanuel Macron. Durante la conversazione, il cancelliere tedesco ha espresso preoccupazione per il fatto che la comunità internazionale stava perdendo la sua capacità di controllare il divieto dell'uso di armi chimiche.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, a sua volta, ha espresso la speranza che i partner occidentali di Berlino che si consultino con le autorità tedesche prima di iniziare qualsiasi azione militare contro il regime di Assad.


Il primo ministro britannico Teresa Mei ha detto ieri che è necessaria una maggiore prova del fatto dell'Himataka per partecipare all'operazione dell'esercito britannico. Tuttavia, secondo recenti relazioni, Londra si sta attivamente preparando per un simile colpo.

Il 10 aprile, durante una conferenza stampa a Parigi, Macron affermò che Parigi continua a rafforzare le consultazioni tecniche con la Gran Bretagna e gli Stati Uniti su un possibile attacco militare alla Siria e annuncerà una decisione "nei prossimi giorni".

Un certo numero di organizzazioni non governative siriane, tra cui i White Helmets, hanno riferito che le armi chimiche sono state usate nell'India orientale il 7 aprile. Secondo loro, decine di civili sono morti durante l'attacco. Nel Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa questo messaggio è stato chiamato una rimessa per le informazioni.

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha dichiarato che i "Caschi Bianchi" non sono una fonte affidabile di notizie e diffondono informazioni fabbricate. I rappresentanti del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra hanno condotto un sondaggio il 9 aprile della Duma, ma non hanno trovato alcun segno di invio di persone lì.

Nessun commento:

Posta un commento