Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 24 gennaio 2019

George Soros ha dato 500 mila dollari al movimento che chiede il secondo referendum sulla Brexit

Risultati immagini per george soros

In tutto il mondo i siti di media alternativi descrivono tipicamente George Soros come la mente di un movimento "globalista", che minerebbe qualsiasi società dalla quale possa trarre profitto tramite sovversione, manipolazione e inganno.
Come è stato rivelato dal Telegraph, George Soros, il miliardario noto come l'uomo che "ha rotto la Bank of England", sta sostenendo una campagna per ribaltare la Brexit, pur rimanendo una delle tre figure di alto livello legate al gruppo di campagna che supporta il resto Il meglio per la Gran Bretagna. Secondo quanto riferito, ha consegnato circa 500 mila dollari a questo movimento nel tentativo di condurre un secondo referendum per mantenere la Gran Bretagna nell'UE.
A sua volta, Donald Trump avrebbe descritto questo cosiddetto filantropo nei suoi post su Twitter come donatore di manifestanti anti-Trump, mentre si dice che la famiglia del presidente ei suoi più stretti consiglieri andassero molto oltre. Per illustrare questa affermazione è sufficiente menzionare che suo figlio - Donald Trump Jr. avrebbe re-twittato una richiesta del comico Roseanne Barr che George Soros è un nazista.
È stato notato che su Fox News, negli appelli di raccolta fondi repubblicani e nella ricerca di gruppi di difesa conservatori, il nome di George Soros è invocato come un simbolo per tutti gli usi del liberalismo scappato.
È curioso che il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan abbia accusato George Soros di sostenere le proteste anti-governative nel centro di Istanbul del 2013 e in altri paesi del mondo. Le proteste si sono gonfiate da una manifestazione alla più grande sfida politica che l'allora Primo Ministro Erdogan aveva affrontato contro il suo governo.
Inoltre, il New York Times afferma che:
La pubblicità di chiusura per la campagna del signor Trump del 2016 comprendeva il signor Soros - così come Janet L. Yellen, la presidente della Federal Reserve all'epoca, e Lloyd Blankfein, l'amministratore delegato di Goldman Sachs, entrambi ebrei - come esempi di "interessi speciali globali" che si sono arricchiti sulle spalle dei lavoratori americani.

Nessun commento:

Posta un commento