Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 28 febbraio 2019

Israele è il colpevole dei 189 palestinesi morti nel 2018 al confine tra Gaza e Israele

Risultati immagini per 189 palestinesi morti striscia gaza 2018


Segni di violazione dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario e, in alcuni casi, di crimini di guerra e crimini contro l'umanità ". Il rapporto sulla morte di 189 palestinesi sul confine tra Gaza e Israele nel 2018, presentato giovedì da una commissione investigativa indipendente al Consiglio dei diritti umani dell'ONU a Ginevra, mette in evidenza le possibili responsabilità dell'esercito israeliano nell'aprire il fuoco dimostranti. Tra il 30 marzo e il 31 dicembre 2018, oltre 6.100 palestinesi sono stati feriti durante le proteste della cosiddetta "Long March of Return", lanciata contro il blocco della Striscia e per chiedere il ritorno dei profughi che hanno lasciato le loro case nel 1948 dopo la creazione dello Stato ebraico.
"Le forze di sicurezza hanno ucciso ebrei e ha causato la mutilazione di dimostranti palestinesi che non rappresentava alcuna minaccia imminente di morte o lesioni a terzi, quando sono stati colpiti, né impegnati in azioni ostili", dice il rapporto della commissione indipendente creata nel maggio dello scorso anno e guidato dal giurista argentino Santiago Canton, l'ex segretario della Commissione interamericana dei diritti umani, e anche formata da l'avvocato del Bangladesh Sara Hossain e l'avvocato del Kenya Betty Murungi Kaari.
L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, del Cile l'ex presidente Michelle Bachelet, può ora presentare la relazione degli esperti presso la Corte penale internazionale, che nel 2015 e ha aperto un'indagine preliminare sulle accuse fatte da Israele per le violazioni dei diritti umani . I membri della commissione hanno esaminato interviste con vittime e testimoni, oltre a cartelle cliniche, fotografie e video. Alcune immagini sono state scattate con droni.
Le indicazioni dei crimini di guerra e dei crimini contro l'umanità "devono essere immediatamente investigate da Israele", ha detto a Reuters Santiago Canton. Tra dimostranti palestinesi uccisi dai cecchini dell'esercito israeliano nelle Marche Venerdì 2018 includono 35 bambini e due giornalisti che sono stati chiaramente identificati. Gli investigatori ritengono che le dimostrazioni al confine di Gaza con Israele "fossero di natura civile e avessero obiettivi politici". "Nonostante alcune azioni violente", sottolineano, "le marce non costituivano un combattimento o una campagna militare".
In un comunicato diffuso dal Ministero degli Esteri di Israele, Israel Katz, che ha descritto come "un bugiardo e di parte" la ricerca presentata alle Nazioni Unite. "In un nuovo teatro dell'assurdo, il Consiglio dei diritti umani ha generato un altro rapporto ostile contro lo Stato di Israele (...) al fine di screditare l'unica democrazia del Medio Oriente". l'attuale capo della diplomazia israeliana sostiene anche il diritto del suo paese per difendere i suoi confini e proteggere la loro Cittadini: Israele accusa il movimento islamista Hamas, che di fatto governa a Gaza dal 2007, per l'organizzazione di proteste al confine.

Nessun commento:

Posta un commento