Anglotedesco

Anglotedesco

mercoledì 27 marzo 2019

Cari Bellofiore, Garbaldo e Mortagua,Bagnai ha cambiato idea sull'uscita dall'euro

Risultati immagini per alberto bagnai basta euro


Perchè ho pubblicato dei pezzi di questo libro? Non perchè sull'euro sia d'accordo con Bellofiore ma per far notare a chi ha scritto questo libro che il signor Bagnai e il suo gemello Claudio Borghi, hanno cambiato idea sull'uscita dall' euro.Ti rispondono che non è nel programma di questo Governo.
Pubblico solo qualche pagina, se volete leggere di piu, il titolo del libro  è in fondo al post.



La crisi europea nasce dall'interno,nasce dal crollo del modello di capitalismo anglosassone,il cui centro sono gli Usa,basato su consumo a debito e su un certo tipo di finanza.E' quel modello che ha consentito ai modelli neomercantilisti,che fanno profitti dalle esportazioni nette,di prosperare,trovando sbocchi,alle proprie merci.Il progetto dell'euro e il suo concreto svolgimento,contraddizioni complesse, sono difficilmente comprensibili senza riferirsi all'economia reale,all'obiettivo cioè,prima francese,coi campioni settoriali governati politicamente, poi tedesco,con la selezione naturale per via di mercato e di capacità innovativa,di costruzione di un unico capitalismo europeo industriale e manifatturiero che privilegiasse le esportazioni.

Alberto Bagnai propone,con molta coerenza e con molta chiarezza,che è bene uscire dall'euro,senza se e senza ma.Il sottotitolo del suo libro recita:come e perchè la fine della moneta unica salverebbe democrazia e benessere in Europa.Per rispondere alle critiche a questa prospettive,che non può non dar luogo a una subitanea svalutazione,per valutare conseguenze e dimensioni,Bagnai ripercorre alcuni degli episodi passati di svalutazione del nostro paese.Lo fà però,di nuovo,quasi come se il quadro storico,il contesto generale e le scelte politiche e istituzionali non contassero.Non è così.La vicenda del cambio del nostro paese è più articolata ,e piena di insegnamenti.
L'altra cosa di rilievo che ci pare assente nel libro di  Alberto Bagnai è che le svalutazioni degli anni Settanta furono svalutazioni eccedenti quella che era stata l'inflazione passata,e la cosa non si ripete successivamente.Per questa ragione negli anni 70' le svalutazioni offrivano subito un vantaggio competitivo alle industrie italiane, cosa che non accade più in seguito.Per Bagnai la possibilità di un rilancio produttivo a seguito di una inflazione guidata,come secondo lui,sarebbe possibile nel caso di un abbandono unilaterale dell'euro da parte dell'Italia , è un dato incontestabile.Non fu così allora.
E' utile ricordare che nell'analisi e nella proposta di Bagnai un concetto cardine, assieme all'indipendenza o meno della Banca centrale, è la sovranità monetaria,ed è per lui questo il criterio con cui analizzare le diverse fasi della storia economia italiana recente:prima e dopo la perdita della sovranità monetaria,a causa dell'adesione all'euro ,e, durante le diverse fasi della partecipazione allo SME.La differenza di valutazione nasce da una diversa idea dell'unità d'analisi necessaria a comprendere quanto è accaduto.Il discorso di Bagnai è spesso troppo rinchiuso nel contesto dell'eurozona,per di più con una opposizione troppo secca tra Germania e il resto dei paesi,l'Europa sta nel mondo.

da EURO AL CAPOLINEA?

Riccardo Bellofiore,Francesco Garbaldo, Mariana Mortagua (Rosenberg e Sellier)

Nessun commento:

Posta un commento