Anglotedesco

Anglotedesco

lunedì 11 gennaio 2021

Burns, il negoziatore in Iran prende la guida della Cia


Il presidente eletto Joe Biden ha intenzione di nominare William J. Burns, ex diplomatico di carriera con 33 anni di servizio, direttore della Central Intelligence Agency. Responsabile della delegazione americana nelle trattative segrete con l'Iran, la figura di Burns segna uno strappo rispetto ai 4 anni di Trump e ai suoi ripetuti tentativi di politicizzare la Cia. Burns, 64 anni, profondo conoscitore della Russia dove è stato ambasciatore ed ex vice segretario di Stato, ha prestato servizio con amministrazioni repubblicane e democratiche, in particolare di Clinton, Bush e Obama.Dopo essersi ritirato nel 2014 è stato nominato presidente della Carnegie Endowment for International Peace, importante think thank Usa. «Bill Burns è un diplomatico esemplare con decenni di esperienza sulla scena mondiale - ha detto Biden - Condivide la mia profonda convinzione che l'intelligence debba essere apolitica». Pur non essendo un veterano del settore, Burns ha esperienza in delicate questioni di sicurezza nazionale. Nella nomina è stato decisivo il ruolo della vice di Biden, Kamala Harris, determinata ad allontanare l'attuale numero uno della Cia Gina Haspel, per il suo ruolo nelle torture durante gli interrogatori seguiti all'11 settembre 2001. La nomina arriva a più di sei settimane da quella di Avril Haines a direttore dell'intelligence nazionale. Priorità temporale letta da alcuni analisti come un modo di Biden di sottolineare la posizione di rilievo dello zar dell'intelligence nella supervisione di 18 agenzie e unità di spionaggio. La scelta di Burns fa riflettere gli osservatori sul ruolo e sull'attività svolta dai centri studi identificati tradizionalmente come strumenti di «soft power».

Nessun commento:

Posta un commento