Anglotedesco

Anglotedesco

sabato 16 gennaio 2021

Dissidenti? In cella! La linea dura delle toghe (di Piero Sansonetti)


da IL RIFORMISTA del 16 gennaio 2021

A Roma i Pm hanno chiesto sei mesi di prigione per Sabina Guzzanti e per altri 12 imputati, colpevoli di avere partecipato all'occupazione del cinema Palazzo, a San Lorenzo, trasformato per dieci anni in centro culturale. In Piemonte la magistratura è scatenata contro i no-tav. Per una pacifica manifestazione tenuta 9 anni fa sull'autostrada Torino Bardonecchia (neanche un ferito, uno schiaffo, un danneggiamento) ci sono state decine di condanne al carcere. Tre donne sono finite in cella. Senza condizionale e senza pene alternative. Perché? Hanno detto loro che non potevano concedergliele perché non si erano dichiarate pentite. Nel 2020. Capito? Nel 2020, non negli anni del fascismo. Proteste di intellettuali? No, no, tranquilli: silenzio assoluto. Proteste contro i magistrati? Ma per carità!

Il Pm ha chiesto la condanna a sei mesi di prigione per Sabina Guzzanti, per l’ex deputato Pd Marco Miccoli e per un’altra decine di persone, tra i quali i leader dei centri sociali romani, Andrea Alzetta (lo chiamano Tarzan), Nunzio D’Erme, Franco Raparelli, perché sono stati riconosciuti tra i responsabili della lunga occupazione del cinema Palazzo, nel cuore del quartiere “rosso” di San Lorenzo, trasformato in un centro culturale che ha funzionato per più di 10 anni e un mese fa è stato sgomberato dalla polizia. Per Guzzanti e gli altri, in sostanza, viene chiesta la condanna al carcere per ragioni politiche.

Nessun commento:

Posta un commento