Anglotedesco

Anglotedesco

mercoledì 13 gennaio 2021

Fallite le trattative.Italia Viva ritira le ministre.Governo al capolinea


di Francesco Grignetti 

Ore 18,20, parla Matteo Renzi. Ed è il game-over. La giornata più pazza della maggioranza giallorossa culmina con un punto fermo: Italia Viva ritira la sua delegazione dal governo. Le ministre Teresa Bellanova (Agricoltura) ed Elena Bonetti (Famiglia), e il sottosegretario Ivan Scalfarotto (Esteri), danno le dimissioni. È la crisi, che ora può finire in mille modi. Giuseppe Conte ne prende atto nel consiglio dei ministri della sera: «Non può essere considerato un fatto estemporaneo, non si può sminuire la gravità di questa decisione». L'annuncio di Renzi è accolto gelidamente dagli alleati. Lapidario Nicola Zingaretti, il segretario Pd: «Scelta incomprensibile. Ora è a rischio tutto, dagli investimenti nel digitale alla sanità». Pure Vito Crimi esprime lo sconcerto dei grillini: «Credo che nessuno abbia compreso le ragioni di questa scelta». Ed è sbigottito Nicola Fratoianni, LeU: «Evitiamo di aprire crisi al buio». Eppure fino all'ultimo i pontieri avevano lavorato per evitare lo strappo finale. All'ora di pranzo Giuseppe Conte era salito al Quirinale per riferire sullo stato delle trattative. L'indicazione del Colle era di uscire dalle fibrillazioni e concentrarsi su pandemia e crisi economica. Il premier a quel punto aveva fatto filtrare che era quasi pronto un documento da discutere e far firmare ai leader della maggioranza. Diceva Conte ai giornalisti che gli chiedevano della crisi: «Spero di no. Sto lavorando ad un Patto di legislatura. Se c'è disponibilità di confrontarsi in modo leale, sono convinto si possa trovare il senso di una maggiore e nuova coesione». Si profilava insomma un accordo che avrebbe dato soddisfazione alle critiche di Renzi e insieme blindato la maggioranza fino al 2023. Non a caso il ministro Roberto Gualtieri aveva chiamato al telefono la collega Bellanova e si era detto disposto a riscrivere il Recovery Plan per quanto riguarda il capitolo dell'agricoltura, tanto criticato da Italia Viva. Il Pd dava voce alla speranza di ricucire in extremis. «Una crisi - diceva il vicesegretario Andrea Orlando - costituirebbe un gravissimo danno per il Paese. Conte ha ribadito la volontà di rimanere nel perimetro di questa maggioranza e di lavorare per un Patto di legislatura. Adesso Iv raccolga questo invito. Fermiamo le polemiche, mettiamoci al lavoro nell'interesse dell'Italia». E invece, nel pomeriggio Renzi metteva la parola fine alle attese. Annunciava che le ministre si sarebbero dimesse. Ma mai dire mai. Renzi accompagnava il tutto con l'ennesimo rilancio. «Se c'è un progetto, allora si può pensare a un Patto di legislatura. Se c'è, noi ci siamo». Non proprio un addio definitivo. Tanto più che Italia Viva ha subito chiarito che avrebbe votato a favore del decreto Ristori e dello scostamento di bilancio. Renzi insomma esce dal governo, ma non per forza dalla maggioranza. Il centrodestra, intanto, era in riunione permanente. Garantivano: da noi nessun aiuto, nessun responsabile. In un quadro politico così fluido, si aprono infatti possibilità insperate. Diceva perciò Matteo Salvini: «Ci sono un governo confuso e dimissionario e un centrodestra compatto. Conte venga in Parlamento e spieghi. Se c'è un governo, trovino i numeri e facciano. Altrimenti si facciano da parte»

Nessun commento:

Posta un commento