Anglotedesco

Anglotedesco

sabato 16 gennaio 2021

MATTEO SALVINI: "Altri 5 Stelle bussano alla Lega"




da IL CORRIERE DELLA SERA del 16 gennaio 2021.Marco Cremonesi

«Io incontro tutti e ascolto tutti». Matteo Salvini lo dice. Forse semplicemente per contropropaganda nei confronti di chi, nella maggioranza, dà numeri largamente favorevoli a Giuseppe Conte. Però lo dice: «Nelle ultime ore, qualche parlamentare 5 stelle che rimane fedele alla trasparenza originaria ed è imbarazzato da queste trattative alla vecchia maniera con Tabacci e Mastella sta bussando alle porte della Lega».

Certo, il leader leghista tutto vuole tranne che si parli di lui come uno che va a caccia «dei vari Scilipoti o Razzi». Insomma: lo cercano, non è lui a cercare. Anche perché negli ultimi giorni è alle prese con qualcosa che non è tanto nelle sue corde: rassicurare con telefonate e attenzioni quelli che qualcuno chiama «il ventre molle» del centrodestra. I centristi, e magari forzisti, che difficilmente rientrerebbero in Parlamento se la situazione precipitasse verso le urne. Per dirla con un leghista, «il tempo è ora. Per molti il momento della scelta è questo, il valore di mercato di ciascuno non potrà mai essere superiore a quello di oggi».

I nomi di chi potrebbe lasciare i 5 stelle (o il gruppo misto) sono coperti dal riserbo. Tra i leghisti di prima cerchia, si parla di un numero variabile tra i sei e i nove senatori. C’è chi parla di persone «vicine» a Lorenzo Fioramonti, chi a Barbara Lezzi, chi menziona come riferimento Giulia Grillo e chi Elisabetta Trenta. Del resto, la possibilità che alcuni ex stellati approdino nella Lega viene fatta balenare sin dalla caduta del governo gialloverde. Quel che i leghisti giurano è che «a nessuno è stata promessa la ricandidatura»: la trattativa, guarda un po’ il pudore, sembrerebbe altrimenti troppo mercantile.

In realtà, siamo sempre nel campo della tattica e del pre partita. Per Salvini, una partita del tutto aperta perché il premier potrebbe non riuscire a rimpiazzare i voti di Italia viva: «Secondo me non li ha. Se Conte avesse i numeri sarebbe arrivato oggi in Parlamento e non si sarebbe preso il weekend». Il leader leghista non rinuncia a pensare che a Palazzo Chigi possa arrivare un cambio di segno politico, anche se non è detto che non sia un modo per motivare chi sentisse forte il richiamo alla responsabilità pro Conte.

In ogni caso, il momento è delicato. E così, anche per dare il senso dell’unità dell’alleanza (e magari marcarne stretti tutti i componenti), la war room del centrodestra diventa stabile: oggi i leader della coalizione, inclusi quelli dei partiti più piccoli si vedranno per la quarta volta in quattro giorni e così continueranno a fare sino a risoluzione della crisi. Ieri e oggi, senza Giorgia Meloni (che ieri ha festeggiato il compleanno), impegnata a Barcellona in un convegno del partito spagnolo Vox. Oggi il summit si svolgerà a Milano: in presenza ci saranno Salvini, Ignazio La Russa e Giovanni Toti, gli altri in videoconferenza.

Nessun commento:

Posta un commento