Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 17 gennaio 2021

MAURO LUSETTI (Coop):"Con nuovi lockdown le imprese non resisteranno"

 


Il sondaggio è di un mese fa ma secondo la ricerca, realizzata da Ipsos per LegaCoop, gli italiani temono più le ricadute economiche della pandemia (57%) che dal virus in sé. Diventa ancora più preoccupante che al lavoro sparito, nuove povertà si aggiunga una ulteriore stretta. «La seconda ondata della pandemia e le nuove misure di contenimento avranno come conseguenze l'impossibilità per molte imprese di andare avanti» dice Mauro Lusetti, presidente di LegaCoop, colosso da 80 miliardi di fatturato e mezzo milione di occupati. «Il decreto ristori - spiega Lusetti, in un'intervista pubblicata oggi da La Stampa - può essere una boccata d'ossigeno ma non basta. È evidente che soprattutto per alcuni settori, dal turismo alla cultura, alla ristorazione ma anche per l'assistenza sarà necessario rinnovare lo stop ai licenziamenti, ma non può durare all'infinito. Non si può basare tutto sulle proroghe. In questi mesi si è iniziato a parlare di riforma delle politiche attive e degli ammortizzatori ma sono state fatte solo parole e annunci». La soluzione che suggerisce Lusetti passa attraverso gli investimenti. «Solo così si creano posti di lavoro. Dunque, con un efficace uso dei fondi del Recovery Plan. Prima finisce la battaglia politica, per altro lontana dalle reali esigenze del Paese, e meglio è. Aspettiamo con ansia quello che succederà tra oggi e domani in Parlamento. È incredibile che sia arrivati a questo punto». Il manager si dice sorpreso dalla politica e auspica un ritorno «allo spirito che nel maggio scorso ha portato alla firma dell'accordo per la riapertura del Paese in sicurezza. Un senso di responsabilità e unità che io non lo vedo più» . 

Nessun commento:

Posta un commento