Anglotedesco

Anglotedesco

martedì 9 febbraio 2021

“Anche Tesla lo accetterà” .Musk fa volare il bitcoin: record a 43 mila dollari


da LA REPUBBLICA del 9 febbraio 2021.Ettore Livini

Elon Musk colpisce ancora. E nella sua veste di “influencer finanziario” (con i soldi dei soci Tesla) regala un lunedì da sogno e un nuovo record al Bitcoin.La passione del tycoon sudafricano per le criptovalute non è una novità: nelle ultime settimane ha già regalato un primo balzo alla regina delle monete virtuali aggiungendo lo status #Bitcoin sul suo profilo Twitter, che vanta 49 milioni di follower. Ora però alle parole ha fatto seguire i fatti: la Tesla – che in teoria fa auto e non investimenti finanziari – ha puntato 1,5 miliardi della sua liquidità sul Bitcoin annunciando che «in un futuro non lontano» accetterà la moneta digitale come forma di pagamento.Un attestato di fiducia che ha spedito le quotazioni della criptovaluta oltre quota 43 mila dollari con un balzo del 12%, al nuovo massimo storico.La mossa della Tesla rafforza il ruolo del Bitcoin come moneta di utilizzo comune e non solo come investimento. Del resto è già accettato per vendite e acquisti dal circuito di pagamento Paypal (fondato proprio da Musk e poi ceduto). Due altre aziende di Wall Street – Square e Microstrategy – l’hanno utilizzato per parcheggiare parte della liquidità.E il gestore Blackrock ha deciso di comprarne un po’ con due suoi fondi. L’effetto-sdoganamento dai circuiti finanziari all’uso (per ora molto parziale) del Bitcoin nella vita reale ha avuto l’effetto di quadruplicarne il valore dallo scorso ottobre.Il vulcanico Musk invece, diventato negli ultimi mesi l’uomo più ricco del pianeta grazie alla corsa dei titoli Tesla, conferma con il blitz sulla moneta virtuale la sua nuova vocazione di Re Mida di Wall Street. Quello che tocca – come è accaduto ieri al Bitcoin – o quello che twitta diventa oro. È capitato con Gamestop nel pieno del braccio di ferro sulla società di videogiochi. Ha fatto decollare i titoli di Etsy, una società di cibo per animali, dopo averne vantato le qualità sul web. Quando ha suggerito ai suoi follower di spostarsi da Whatsapp (rea di cambiare le regole sulla privacy) a Signal, i titoli di Signal advance – che non c’entra niente con le reti di chat – sono schizzati all’insù del 5.000%. Lo stesso è successo a Clubhouse Media quando ha consigliato il nuovo social che in comune con l’azienda quotata ha solo il nome.Il ruolo di influencer dei mercati, evidentemente, gli piace. Anche se in passato gli è costato caro. La Sec l’ha multato nel 2018 di 20 milioni, costringendolo a cedere i ruoli operativi in Tesla, dopo che aveva annunciato la sua intenzione di toglierla dal mercato con un’Opa. Il vero capolavoro di Musk (e di altri influencer finanziari Vip) è quello del Dogecoin, una criptovaluta nata nel 2013 per prendere in giro il fiorire di monete virtuali più o meno esotiche con il meme di un cane Shiba Inu come simbolo. Uno strumento nato in teoria quasi solo a fini benefici come la sponsorizzazione della squadra giamaicana di bob alle Olimpiadi invernali e la costruzione di riserve d’acqua in Kenya.Lo scherzo è diventato però ora una cosa maledettamente seria: il patron della Tesla lo spons orizza da giorni su Twitter, lo stesso hanno fatto il rapper Snoop Dog e il bassista dei Kiss Gene Simmons. Risultato: le quotazioni sono balzate del 1.600% in pochi giorni.

Nessun commento:

Posta un commento