Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 20 agosto 2017

I bunkers sotterranei degli uomini di Silicon Valley e Wall Street

Risultati immagini per steve huffman


Steve Huffman, cofondatore e amministratore delegato di Reddit,un sito di notizie e intrattenimento che vale seicento milioni di dollari,è stato miope fino al novembre del 2015,quando ha deciso di sottoporsi a un intervento con il laser.Non lo ha fatto per comodità o per una questione estetica,ma per un motivo di cui di solito non parla: con una vista migliore spera di avere piu probabilità di sopravvivere a una catastrofe naturale o causata dagli esseri umani."Se finisse il mondo, o anche se solo scopiasse una grave crisi,mettersi  le lenti a contatto sarebbe una grande rottura di palle",mi ha detto."E io,senza quelle,sono fottuto.Huffman,che ha 33 anni e vive a San Francisco ,ha grandi occhi azzurri, folti capelli biondi sabbia e un'aria d'irriquieta curiosità.Quando frequentava l'università della Virginia gli piaceva partecipate alle gare di ballo e hackerare per scherzo il sito del suo  compagno di stanza. Quello  che gli fa paura non è un pericolo specifico,un terremoto causato dalla figlia di Sant'Andrea , una pandemia o una bomba atomica.Piuttosto  è spaventato dalle conseguenze di un "momentaneo collasso del governo e delle istituzioni", per usare le sue parole." Ho due motociclette,un pò di armi,munizioni,roba da mangiare.Immagino che potrei stare  al sicuro in casa mia per un bel po di tempo".
Il survivalismo ,l'addestramento alla sopravvivenza in vista del crollo della civiltà,evoca immagini precise: persone che vivono nel boschi e portano capelli di stagnola, folle isteriche,predicatori religiosi che annunciano la fine del mondo. Ma negli ultimi anni è arrivato anche a New York e nella Silicon Valley,tra manager delle aziende tecnologie ,gestori di fondi d'investimento e altri rappresentanti dell'èlite economica nella primavera del 2016,mentre la campagna elettorale per le presidenziali statunitensi rivelava le divisioni che sempre  il piu avvelenato l'America ,Antonio Garcia Martinez ,un ex manager di Facebook  di 40 anni che vive a San Francisco, ha comprato due ettari di terreno boscoso su un'isola  del Pacifico nordoccidentale e ci ha portato generatori pannelli solari e tante munizioni "quando la società perde di vista i suoi miti fondativi, sprofonda   nel caos,afferma  Garcia,che ha scritto Chaos Monkeys,un caustico racconto dei suoi anni nella Silicon Valley.Garcia voleva un rifugio lontano dalle che un uomo da solo posa in qualche modo resistere  alle folle scatenate",dice."ma non è così,ci vuole una milizia.Servono moltissime cose per sopravvivere all'apocalisse".Quando ho cominciato a parlare ai suoi colleghi del suo "piccolo progetto" anche loro  "sono usciti allo scoperto" e gli hanno raccontato di come ci stavano preparando."Chi vuole conosce bene il Paese capisce che in questo momento stiamo camminando sull'orlo del baratro.
Nei loro gruppi su Facebook ,ricchi survivalisti si scambiano consigli su maschere antigas,bunker e posti dove si può mettere al sicuro dagli effetti del cambiamento climatico.Uno di loro,che dirige un fondo d'investimento,mi dice " ho un elicottero con il motore sempre acceso,e ho un bunker sotteraneo con un sistema di filtraggio dell'aria.Dice che questi preparativi probabilmente lo collocano nella fascia piu "estrema" dei survivalisti".Ma aggiunge: "molti dei miei amici stanno comprando armi,motociclette e monete d'oro.Ormai non è piu una cosa insolita".
Tim Chang,che ha 44 anni e dirige il fondo d'investimento Mayfield,racconta: "nella Silicon Valley siamo in tanti.Ci troviamo a cena per parlare di finanza e di come stanno preparando.Le idee sono tante,dall'acquisto di Bitcoin e criptovalute alla possibilità di ottenere un secondo passaporto  o di comprare case vacanze in paesi che potrebbero essere rifugi sicuri.Sarò sincero: sto investendo nel settore immobiliare per  assicurarmi una rendita,ma anche per avere posti alternativi dove andare".Lui e la moglie,che lavora nel settore della tecnologia hanno le valige pronte per sè e per la figlia di 4 anni."Immagino sempre  scene di terrore",dice Chiang "se per caso scopiasse una guerra civile o ci fosse un gigantesco terremoto che spacca in due la California,vogliamo essere pronti".

Quando Marvin Liao,un ex dirigente di Yahoo che oggi è socio del fondo d'investimento 500 start up,ha cominciato a pensare a come prepararsi,ha deciso che le due riserve di acqua e viveri non erano sufficienti."E se qualcuno me le portasse via? Si è chiesto.Dice che non ha pistole e fucili,ma ha altre armi,e per proteggere la figlia e la moglie ha imparato a tirare con l'arco.
Per qualcuno è solo un gioco della "confraternita dei programmatori",una sorta di film di fantascienza nel mondo reale; per altri, come Huffman,è una preoccupazione che viene da lontano."tutto è cominciato quando ho visto il film Deep Impact,spiega.Nel film, uscito nel 1988,una cometa sta per schiantarsi nell'oceano atlantico e tutti devono salvarsi dallo tsunami che ne seguirà.Tutti cercano di andarsene e rimangono bloccati nel traffico.Si da il caso che passano su quel tratto di strada pensavo: devo procurarmi  una motocicletta perchè altrimenti sono fregato".
Huffman dice che in caso di catastrofe cercherebbe di formare una comunità:"stare con gli altri è la cosa migliore.Ho anche la convinzione un pò egocentrica di essere un buon leader.Probabilmente al momento buono sarei io il capo,comunque non uno schiavo".Da qualche anno è sempre piu preoccupato dell'instabilità politica degli Stati Uniti e dal rischio di gravi disordini."Se crollassero le istituzioni,la gente perderebbe la bussola,temo".Nei blog dei sovranisti questa situazione viene chiamata without rule of law ,cioè la "fine dello stato di diritto".Huffman è ormai convinto che la società si regga su un consenso molto fragile: "confidiamo nel fatto che il nostro paese funzioni,che abbiano una moneta forte, che la transizione  dei poteri avvenga in modo pacifico.Siamo convinti che tutte queste cose che ci stanno a cuore funzionino perchè ci crediamo.Penso che abbiamo una buona capacità di resistenza,ne abbiamo passate tante,e sicuramente tante ne passeremo ancora".
Mentre trasformava Reddit in uno dei siti piu visitati del mondo,Huffman si è reso conto che la tecnologia modifica i rapporti tra le persone,in meglio o in peggio.Ha visto come i social network possono ingigantire le paure della gente.E' piu facile farsi prendere dal panico quando si è tutti insieme",dice,sottolineando che "internet rende piu facile questo stare insieme",ma avverte anche le persone dei possibili rischi.Molto prima che la crisi economica finisse sulle pagine dei giornali,i primi sintomi apparvero  nei commenti degli utenti di Reddit."Le persone cominciano a parlare dei mutui.Erano preoccupate per i debiti degli studenti.Per i debiti in generale.Molti dicevano: "E' troppo bello per essere vero.C'è qualcosa che non mi convince", racconta Huffman,e aggiunge:"Forse in quei commenti c'era anche qualche falso allarme,ma in generale erano un buon termometro del sentimento popolare.Se questo edificio basato sulla fiducia sta per crollare,vedremo le prime crepe sui social network".
Come è possibile che la paura dell'apocalisse sia nata proprio nella Silicon Valley,un posto che è diventato il simbolo, quasi lo stereotipo,dell'incrollabile fiducia nella capacità dell'uomo di cambiare il mondo in meglio? In realtà i due impulsi non sono così in contraddizione tra loro.
La tecnologia premia la capacità d'immaginare futuri completamente diversi, spiega Roy Bahat ,che dirige la Bloomberg Beta,un fondo d'investimento  di San Francesco."Quando lo fai,di solito proietti le tue fantasie all'infinito e questo ti porta a concepire utopie e distopie", può ispirare idee estremamente ottimistiche ,i tentativi di congelare i cadaveri nella speranza che un giorno la scienza li possa resuscitare oppure scenari catastrofici.Chang,l'investitore che ha le valigie sempre pronte,mi ha detto:"In questo momento oscillo tra l'ottimismo e il terrore puro".
Negli ultimi il survivalismo è entrato nella cultura di massa.Nel 2012 il canale del National Geographic ha lanciato Doomsday preppers,un reality show su un gruppo di persone che si preparano alla fine del mondo.La prima puntata  è stata vista da piu di 4 milioni  di telespettatori e, alla fine della prima stagione,era il programma piu popolare della storia del canale tv.Da un sondaggio commissionato sempre dal National Geographic è emerso che il 40% degli statunitensi è convinto che accumulare provviste o costruirsi un rifugio a prova di bomba sia un investimento migliore che accantonare fondi per la pensione.

EVAN OSNOS -The New Yorker



Nessun commento:

Posta un commento