Anglotedesco

Anglotedesco

lunedì 14 agosto 2017

I minibot di Claudio Borghi



La soluzione proposta dalla Lega per bocca di Claudio Borghi,il responsabile economico,è quella dei minibot.Di che si tratta? In pratica una moneta parallela e provvisoria per facilitare l'uscita in sicurezza dall'euro.
I minibot sono la soluzione piu semplice,l'uovo di Colombo ,per mettere in circolo la futura moneta. Nell'eurozona non è infatti possibile stampare moneta senza l'autorizzazione della Bce .Ma nulla viene detto circa il taglio minimo che può avere il debito pubblico.Borghi quindi propone l'emissione il debito pubblico in piccolo taglio,utilizzabile per pagare le tasse.Si mettono cioè in circolo,distribuendo a chi già attende invano soldi dallo Stato ,minibot di piccolo taglio che abbiano l'aspetto di banconote. Minibot da 5,10,20,50,100,200 e 500 euro senza interessi e al portatore ,emessi direttamente dal Tesoro.Verrebbe quindi emesso un quantitativo analogo all'ammontare attuale di cartamoneta; infatti i crediti che lo Stato deve saldare e l'importo facciale delle banconote in euro attualmente in circolazione,sono valori praticamente comparabili.I minibot sarebbero liberamente negoziabili ed avrebbero un valore uguale all'euro.Borghi fa in proposito l'esempio dei gettoni telefonici,Erano utili a telefonare,e valevano 200 lire.E ricorderanno tutti che venivano di fatto usati come moneta.I minibot potrebbero essere usati per pagare le tasse o la benzina,ad esempio.Con i minibot,in caso di uscita dall'euro,non ci sarebbero problemi di chiusura degli sportelli:Perchè quella sarebbe la nostra nuova moneta di fatto già circolante.E non si tratterebbe neppure di fare maggiore spesa pubblica.Verrebbe semplicemente compiuto un atto di giustizia nei confronti dei creditori.Pensate ad esempio ai tanti imprenditori che avanzano soldi dallo Stato per fatture non saldate o per l'iva a credito.Verrebbero immediatamente  pagati con i minibot.E neppure il debito aumenterebbe.

Pezzo di articolo di Paolo Becchi presa da Libero di lunedi 14 agosto 2017



Nessun commento:

Posta un commento