Anglotedesco

Anglotedesco

mercoledì 28 agosto 2019

Le scemenze che con l'abolizione del contante sparirebbe l'evasione

Risultati immagini per bitcoin

In tutti i paesi scandinavi l'uso del contante è già drasticamente ridotto e in Norvegia sarà definitivamente bandito entro il 2020.In molti altri paesi invece sono state introdotte misure legislative antiriciclaggio volte a disincentivare l'uso della moneta cartacea attraverso controlli e segnalazioni automatiche alla Banca Centrale, che scattano appena si supera il prelievo di piccoli importi.
Formalmente,le ragioni che stanno spingendo i governi ad abbandonare il denaro contante, come fortemente desiderato dall'èlite finanziaria,sono di carattere fiscale (lotta all'evasione) e di sicurezza.
Se si approfondiscono tutti i risvolti legati alla sparizione del contante,emergono subito alcune conseguenze inquietanti.Per prima cosa,va notato che tutte le attività illegali potranno tranquillamente continuare a prosperare grazie alla diffusione delle criptovalute e alla loro accettazione come mezzo di pagamento assolutamente anonimo.Ciò significa che l'accoppiata criptovalute e moneta elettronica flat consentirà ai governi di possedere il controllo assoluto sui cittadini onesti,mentre i corrotti e criminali saranno addirittura agevolati nei loro traffici (senza giri di contanti potranno essere nascosti più facilmente).
Il secondo problema riguarda la gestione  dei risparmi,poiché se adesso è ancora possibile decidere se tenere la moneta contante in casa o depositarla su un conto corrente,con la moneta elettronica ciò non sarà più possibile e le banche saranno libere di imporre un interesse negativo come hanno già fatto in paesi come Svezia,Danimarca e Svizzera ,dove la moneta cartacea sta andando in disuso.
Infine i cittadini non avranno più alcuna possibilità di difesa contro il blocco dei loro conto correnti disposto per errore,per atto arbitrario,per il fallimento dello Stato o per una crisi finanziaria come è già successo in Cipro,Grecia e Argentina.

Nessun commento:

Posta un commento