Anglotedesco

Anglotedesco

mercoledì 14 agosto 2019

Solo adesso Matteo Salvini capisce che il Reddito di cittadinanza è una pagliacciata

Risultati immagini per anglotedesco youtube  matteo salvini


ANGLOTEDESCO:ma va? Solo adesso Salvini capisce che il REDDITO DI CITTADINANZA è una pagliacciata che aumenta il lavoro nero.E perchè voi della Lega l'avete firmato?
Luigi Di Maio l'ha proposto per prendere voti al Sud ,anche un bambino indisciplinato di terza elementare l'ha capito fin dall'inizio.


Ma secondo lei il capo dello Stato sarà d’accordo nel rinviare alla prossima legislatura l’entrata in vigore di una riforma costituzionale come il taglio dei parlamentari?

«Io so che si è già fatto in passato, su materie rilevanti».

 Siamo tornati al Matteo contro Matteo?

«Ho ascoltato il monologo arrogante e imbarazzante di Matteo Renzi in Senato. Che suonava così: “Abbiamo in tasca un accordo con i 5 Stelle”. Siccome mi sono venuti i brividi a immaginare una manovra Renzi, Boschi, Fico e Toninelli, mi sono detto: facciamoli uscire allo scoperto. Offrendo ai 5 Stelle quello che chiedevano, la discussione sul taglio dei parlamentari. Ma ancora non va bene...».

Le brucia il fatto che ieri i numeri d’aula abbiano fotografato una maggioranza Pd-5 Stelle che...

«Che è l’inciucio. Però, voglio proprio vedere Paragone e la Boschi che votano insieme la commissione d’inchiesta sulle banche. Oppure quella sulle case famiglia tipo Bibbiano. Aggiungo che, a differenza di quello che dicono Renzi e Di Maio, con il nostro governo non è in discussione quota 100 e non si toglieranno gli 80 euro. Semmai, sarà doveroso verificare il reddito di cittadinanza. Ci arrivano centinaia di segnalazioni, molte delle quali a me personalmente, da parte di imprenditori che quest’anno non riescono ad assumere i lavoratori che avevano l’anno scorso».

La gente intasca il reddito e poi s’arrangia con i lavoretti?

«Appunto. Fanno fatica i ristoranti, fanno fatica in agricoltura, fanno fatica in moltissimi... Per carità, noi il reddito di cittadinanza lo abbiamo votato e speriamo che crei lavoro. Ma se lo toglie, bisognerà studiarlo».

Perché non ha incontrato Silvio Berlusconi?

«Ma dai... Ho letto cose da pazzi. Che si vogliono i notai per firmare gli accordi...».

A maggior ragione, perché non vi siete visti?

«Io sono stato per gran parte della giornata al Viminale, ci sono le navi di 5 Ong con 500 ospiti a bordo, c’erano due bimbi di sei mesi in difficoltà che eravamo pronti ad accogliere... E poi ho chiuso il dossier di Castel Volturno dove ci occuperemo di camorra, mafia nigeriana, rifiuti che scompaiono... Con Berlusconi ci siamo sentiti per telefono. Tra l’altro ci sono le Regionali, il 27 ottobre in Umbria, forse a dicembre in Emilia-romagna».

 Beh, secondo lei ci dovrebbero essere anche le Politiche...

«Io ho lanciato l’«italia del sì» senza preclusioni, ma questo non vuole dire che già ci siano accordi o altro. Tra l’altro, le vecchie etichette sono del tutto superate».

È per questo che Forza Italia dice che lei vuole inglobare tutti in un listone a suo nome? Una sorta di nuovo Pdl sovranista in cui comanda Salvini?

«Figuriamoci se mi sono messo a parlare di listini e listoni. Nessuno vuole inglobare nessuno. Noi dialoghiamo con tutti quelli che la pensano come noi. E poi, nemmeno sappiamo se e quando si vota. Le opposizioni in qualunque parte del mondo hanno fretta di votare. Il Pd, invece, ha bisogno di tempo per inciuciare. La nostra priorità è sventare l’inciucio, con quale formula e quale squadra ci ragioniamo»

da IL CORRIERE DELLA SERA del 14 agosto 2019.Intervista (incompleta) di Marco Cremonesi

Nessun commento:

Posta un commento