Anglotedesco

Anglotedesco

sabato 14 novembre 2020

Fedez: «Salviamo la musica.Aiutiamo chi lavora per noi»



di Luca Dondoni 

Scena Unita è un fondo collettivo, un'operazione di welfare di qualità per progetti che possano far ripartire il settore dello spettacolo capace, in sole due settimane, di raccogliere 2 milioni di euro. Un'iniziativa che ha tutte le prerogative per dare una risposta solida a un settore che sta soffrendo pesantemente la crisi economica scatenata dalla pandemia. Fedez, rapper e personaggio di primo piano della musica pop, è da sempre molto attivo quando si tratta di dare una scossa al sistema e anche in questo caso ha richiamato l'attenzione di oltre 70 artisti (ma se ne aggiungono di ora in ora) per un impegno no profit ad ampio spettro. «È tempo di impegnarsi concretamente - ha detto Fedez alla presentazione di ieri - e portare più aiuti possibili alle persone che oggi sono ferme e fanno fatica a immaginare un futuro. In più va mantenuto caldo il dibattito con il ministero dei Beni Culturali che deve darsi da fare per aiutare chi da mesi non ha introiti e non sa come tirare avanti». Oltre a case discografiche e cantanti, fra chi ha aderito ci sono i nomi di Chiara Ferragni, Fiorello, Maria De Filippi, Carlo Verdone e Paolo Bonolis. Per la causa si stanno muovendo anche grandi aziende e in prima fila c'è Amazon Prime Video che ha donato un milione di euro, mentre Banca Intesa ha contribuito con 250 mila euro e sta organizzando un evento in streaming. Il Fondo ha il patrocinio del Mibact (Franceschini ha firmato ieri due decreti che stanziano 20 milioni) e sarà gestito dal Cesvi in collaborazione con "La Musica Che Gira" e "Music Innovation Hub". Il 50% dei fondi raccolti andrà al sostegno immediato con contributi a fondo perduto; un altro 25% andrà alla promozione di attività formative per lavoratori del settore e l'ultimo 25% in supporto a progetti di realtà profit e no profit che creino chance di lavoro. Tutto si concretizzerà con dei bandi che definiranno criteri di ammissione e tempi di erogazione.La pandemia «ha solo aggravato una situazione critica per questi lavoratori - sottolinea Fedez -, un settore da sempre frammentato anche se lo sforzo per poterlo mappare è un altro dei nostri obiettivi». Gianna Nannini, che sostiene "Scena Unita", ha le idee chiare: «È importante far capire la difficoltà di persone anche costrette a cambiare lavoro». Gianni Morandi: «In questi mesi ne abbiamo parlato. Sono contento che si passi a fare cose concrete. La musica ci colora la vita». "Scena Unita" è «un gesto di solidarietà per non lasciare indietro chi ci ha formati come artisti e che ci permette di svolgere il nostro lavoro - sottolinea Achille Lauro -. Il nostro Paese ha le sue fondamenta nella cultura». Per Manuel Agnelli «non c'è mai stata un'unità di intenti così grande come questa, per un mondo che coinvolge 900 mila lavoratori». 

Nessun commento:

Posta un commento