Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 29 novembre 2020

MORTE DI MARADONA.Le ultime ore tra dubbi e un buco temporale

 



di Matteo De Santis 

Un perché tira l'altro, un grosso buco temporale, e il mistero si infittisce. La prossime mosse degli inquirenti potrebbero essere gli interrogatori delle figlie Dalma, Gianinna e Jana come testimoni. Proprio Dalma, la più grande delle tre, ha rotto il silenzio della famiglia Maradona sui social: «Ti amerò e ti difenderò per tutta la vita. Mi manchi già papà!». Tante le domande legate all'inchiesta (al momento per stabilire le cause del decesso), portata avanti dai procuratori Broyad, Ferrari, Iribarren e Capra. Giusto dimettere Diego dalla clinica di Olivos appena 8 giorni dopo l'intervento al cervello? Il ricovero domiciliare era adeguato? Come è stato curato e controllato il paziente? Quanto era in grado di intendere e di volere? Ci sono delle responsabilità del suo medico Leopoldo Luque? Come mai l'infermiera Dahiane Gisele Madrid ha fornito una doppia e discordante testimonianza sulle ultime ore del campione? La Madrid ha raccontato di aver dichiarato il falso nel resoconto di servizio, sollecitata dai suoi superiori della società «Medidom», di essere entrata nella stanza di Maradona alle ore 9,20 per un controllo delle normali funzioni vitali a cui il paziente rifiutò di sottoporsi. Versione opposta a quella fornita dalla stessa infermiera nella deposizione giurata: Diego sarebbe stato lasciato a riposare fino alle 12. Altre testimonianze, avrebbero sottolineato la scarsa collaborazione del paziente nel lasciarsi curare, tanto che poche ore prima di morire avrebbe avuto un alterco con il suo medico personale. Si attendono gli esiti degli esami.

Nessun commento:

Posta un commento