Anglotedesco

Anglotedesco

lunedì 30 novembre 2020

Per Diego Maradona cure inadeguate e quella caduta sospetta


di Emiliano Guanella 

Tutti contro tutti nel giallo sulla morte di Diego Maradona e adesso spunta anche una presunta caduta, una settimana prima del decesso, mai dichiarata nei registri ufficiali. La procura di San Isidro si muove sull'ipotesi di omicidio colposo per capire se esistono uno o più responsabili della scomparsa del campione argentino. Occhi puntati sul neurochirurgo Leopoldo Luque, stesso nome del campione del mondo del 1978, che ha operato Diego il 4 novembre e che, secondo le figlie Dalma, Gianinna e Jana guidava l'equipe medica che lo seguiva. Gli sono state requisite cartelle cliniche e cellulari, ma non lo hanno ancora chiamato a deporre. Le tre giovani donne, invece, hanno parlato per 4 ore sabato sera col procuratore capo John Broyad. Hanno spiegato che erano preoccupate per le condizioni del padre, lo vedevano molto ingrassato e con le palpebre enormi. Luque sostiene di non aver nulla da rimproverarsi: «Diego era un paziente molto difficile, non avrebbe mai accettato di andare in un centro di riabilitazione per alcolisti. Il suo cuore non destava particolari preoccupazioni».Altra persona chiave è la psichiatra Agustina Cosachov. È stata lei a firmare la richiesta di "ricovero domiciliare" per l'assicurazione sanitaria: un ricovero che esigeva la presenza full time di un infermiere (nel report si raccomanda fosse un uomo), un medico generale, un neurologo e un'ambulanza. Ma nella casa di Avenida Italia (ironia del destino) c'erano solo due infermieri. Una di loro, Dayana Madrid, sta fornendo nuovi elementi: prima ha smentito di aver visto Diego vivo alle 9.30 di mattina, mentre ieri il suo legale ha parlato di una caduta avvenuta il 18 novembre, con tanto di colpo alla testa operata, mai dichiarata prima.Maradona, su questo coincidono tutti, era molto depresso. Anche per colpa di una famiglia che adesso è ancora più divisa: le figlie incolpano Luque e il "clan" degli ultimi giorni. Così quattro sue sorelle (Ana, Rita, Maria Rosa e Claudia) hanno assunto il legale di Diego Matias Morla, alleato di Luque, come loro rappresentante. Una frattura nota, così come il recente distanziamento con las "nenas" Dalma e Gianinna, troppo schierate con la madre Claudia. I rapporti con l'ex moglie sono peggiorati quando Diego ha annunciato di voler raccontare i "peccati" di lei (infedeltà, il furto di beni e cimeli delle carriera) nella serie biografica che Amazon stava per preparare. Diego ha pure accusato il suo ex suocero Coco Villafane di essere stato il primo a fargli provare la cocaina. Ultimamente solo Jana, riconosciuta nel 2015, riusciva a dialogare con il padre. Diego stravedeva anche per il piccolo Diego Fernando, avuto da Veronica Ojeda, e per il nipotino Benjamin Aguero (figlio del Kun, attaccante del Manchester City). Non aver potuto riunire tutta la prole - compreso l'italiano Diego Maradona Junior - per il suo sessantesimo compleanno, il 30 ottobre, è stato un duro colpo.L'Argentina ora si interroga su come fare a gestire il ricordo di Maradona e la polizia continua a presidiare il cimitero "Jardin Bella vista", dove non entra nessuno a parte i famigliari stretti. Le rivelazioni sui suoi ultimi giorni, però, sono devastanti per chi lo amava. L'uomo più famoso del mondo si trascinava controvoglia in una casa non sua, senza i figli e con un grande senso di abbandono. Un finale triste e solitario che nemmeno Osvaldo Soriano avrebbe immaginato per chi ha saputo dare tanta allegria a generazioni di futboleros.

Nessun commento:

Posta un commento