Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 24 dicembre 2020

Natale di paura in Gran Bretagna, ora spunta la variante sudafricana

 



da IL CORRIERE DELLA SERA del 24 dicembre 2020.Paola De Carolis

È un Natale del tutto anomalo quello della Gran Bretagna, attanagliata prima dalla paura della variante inglese del Covid, ora dall’arrivo dal Sudafrica di ulteriori mutazioni che renderebbero il virus ancora più contagioso.Per ora i pazienti contagiati da questa variante sarebbero solo due. Per contenere la situazione il governo Johnson, sull’esempio della Svizzera, ha interrotto i collegamenti aerei con la repubblica sudafricana e chiesto a chi è arrivato di recente di osservare la quarantena per due settimane. «Sappiamo ancora poco e dobbiamo essere cauti», ha precisato il ministro della sanità Matt Hancock sottolineando che i campioni e la sequenza genetica del nuovo ceppo sono ora all’esame nel laboratorio di Porton Down.Per Alessandro Carabelli, ricercatore di Cambridge che è tra i coordinatori del consorzio britannico che esamina le mutazioni del Covid, la variante del Sudafrica, «chiamata 501.V2, presenta otto mutazioni della proteina spike». Il nuovo ceppo «è simile alla variante inglese B.1.1.7 per la presenza di una mutazione capace di incrementare la forza con cui la proteina spike si lega al recettore delle cellule umane». «Con i dati che abbiamo — ha detto—- non sappiamo se la 501.V2 sia veramente piu’ trasmissibile». Se da una parte è possibile che il vaccino continui a essere efficace, mancano certezze. La formula di Oxford-AstraZeneca, intanto, è allo studio della Medicine and Healthcare products Regulatory Agency e potrebbe essere approvata a breve.Dal 26 dicembre entrerà in vigore per altri sei milioni di persone il livello massimo di restrizioni già applicato a Londra. In Inghilterra centrale e meridionale, negozi e ristoranti rimangono dunque chiusi senza sapere quando potranno riavviare le attività. La riapertura delle scuole a gennaio è in dubbio.Migliaia di camionisti bloccati nel Kent rischiano di non poter raggiungere le famiglie per Natale. L’ingorgo dei tir sta cominciando a sbloccarsi con l’introduzione di tamponi e la riapertura della frontiera con la Francia ma «ci vorranno diversi giorni per risolvere la situazione», fanno sapere le autorità portuali di Dover. Ieri ci sono stati diversi scontri con la polizia. Per rifornire i supermercati è subentrata la Lufthansa che ieri ha trasportato 80 tonnellate di cibo fresco da Francoforte all’aeroporto di Sheffield. Intanto il ministro della Salute italiano Roberto Speranza, con il ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio, e la ministra ai Trasporti, Paola De Micheli, hanno firmato l’ordinanza che permette agli italiani di rientrare dal Regno Unito previo tampone negativo nelle 72 ore precedenti alla partenza e con obbligo di tampone 48 ore dopo l’arrivo e obbligo di due settimane di quarantena.

Nessun commento:

Posta un commento