Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 29 gennaio 2021

Vaccino, omissis sui soldi e dosi vincolate

 



di Fabio Poletti 

Quarantun pagine stracolme di omissis nei punti più sensibili, a partire dai dettagli sulle fatture. La Commissione europea, in accordo con l'azienda, rende pubblico il contratto con AstraZeneca sulla fornitura di 400 milioni di dosi di vaccino contro il Covid 19. Il contratto è stato firmato lo scorso 27 agosto. Tecnicamente si tratta di un contratto di acquisto anticipato. Nell'accordo, nero su bianco, c'è scritto che l'azienda è invitata al «massimo impegno possibile» nella produzione del vaccino. Questo, secondo AstraZeneca, non la vincolerebbe più di tanto. Per i funzionari della Commissione Ue invece il vincolo sarebbe oggettivo e la formulazione giuridica sarebbe standard. Spiega l'avvocato Matteo Ambrosoli, docente di Diritto delle obbligazioni all'Università Statale di Milano: «Premesso che mi sembra un buon contratto, l'invito a fare per il meglio è già una valutazione giuridica. A pagina 5 si fa riferimento ai "migliori sforzi". AstraZeneca potrebbe sostenere di non essere in grado di produrre i vaccini da consegnare solo per un impedimento oggettivo, ad esempio perché si sono ammalati i tecnici impegnati nella produzione. Non perché ha stipulato contratti con altri Paesi extra Ue ad esempio». Al momento non ci sono ovviamente contenziosi aperti, visto che solo ieri l'Ema ha dato il via libero al farmaco. Anche se nel contratto si faceva riferimento a dosi che avrebbero dovuto essere fornite già negli ultimi mesi del 2020. Oscurata la parte economica, si sa che scatterebbero gli interessi se le dosi non venissero pagate entro 20 giorni. Il business ammonta a 870 milioni di euro. Con un aggiustamento del 20% se dovessero essere sforati i previsti costi di produzione. AstraZeneca si impegna a «fornire il vaccino senza trarne profitto». Ma questo non vuol dire, come sognava qualcuno a livello europeo, che il brevetto sarà pubblico e condivisibile. Anzi è scritto apertamente che il know how è segreto così come «qualsiasi oggetto fisico, composto, componente, campione o altro materiale». Spiega ancora il docente della Università Statale: «Al di là di qualsiasi definizione etica e filosofica, la natura giuridica della proprietà del brevetto è sempre spiegabile con il cospicuo investimento nella ricerca del vaccino. Una corsa spiegabile sia con il successo professionale ma ovviamente anche col profitto». Vincolante invece per AstraZeneca è l'impossibilità di vendere a Paesi extra Unione europea le dosi di vaccino concordate con l'Unione europea. Ma le suddette dosi potranno invece essere prodotte anche fuori dall'Europa comunitaria.Ad esempio in Gran Bretagna «al fine di accelerare la fornitura di vaccini in Europa. Il gruppo farmaceutico AstraZeneca dovrà comunque fornire un preavviso scritto di tali impianti di produzione includendo una spiegazione» . 

Nessun commento:

Posta un commento