Anglotedesco

Anglotedesco

domenica 25 aprile 2021

GIUSEPPE CONTE: «Rousseau ci dia gli iscritti» .E l’addio di Grillo non è più un tabù

 



da IL CORRIERE DELLA SERA del 25 aprile 2021.Emanuele Buzzi

Giuseppe Conte si prende il Movimento e parla da leader. L’ex premier per la prima volta nei due mesi da che è in campo per la rifondazione dei Cinque Stelle rompe gli indugi ed entra nell’agone politico. Addirittura con due post. Il primo per difendere il superbonus, il secondo per chiarire i rapporti con Rousseau. E non è un caso che da avvocato l’ex premier parli proprio il giorno dopo lo strappo dell’associazione che regola la piattaforma. Chi gli è vicino considera la strada per iniziare il nuovo corso «in discesa». Conte stesso per la prima volta fissa una deadline per inaugurare il nuovo Movimento («all’inizio di maggio nel corso di un grande evento online, aperto e partecipato» per poi «procedere subito dopo alle votazioni dei nuovi documenti fondativi e dei nuovi organi»). Ma a tenere banco sono i rapporti con Davide Casaleggio.

«Personalmente auspicavo che si potesse trovare il modo di continuare ad andare avanti insieme, con la volontà comune di collaborare, ma nel segno della massima trasparenza e con una più chiara e netta distinzione di ruoli», scrive Conte. Che poi punge: «Questo era il vero tema in gioco, e nessuno può far finta di ridurlo a una mera partita contabile». L’ex premier batte cassa e chiede «il trasferimento dei dati degli iscritti da Rousseau al Movimento 5 Stelle, che è l’unico ed esclusivo titolare del trattamento di questi dati». «Ovviamente il Movimento, da parte sua, si farà carico di eventuali debiti contratti da Rousseau per conto del Movimento», assicura l’ex premier. «Confido che tutto si svolga in pochi giorni», scrive.

Ma le frasi di Conte aprono a nuovi interrogativi e a un possibile braccio di ferro (legale). Rousseau consegnerà l’elenco degli iscritti solo al rappresentante legale: Crimi — e tantomeno Conte, in questo momento — non sono riconosciuti come tali. E Conte per diventarlo deve passare, a detta dell’associazione, da un voto sulla piattaforma. Iscritti, votazioni e debiti sono legati tutti a doppio filo. «Quanto ha intenzione di dare? E soprattutto perché non lo ha fatto prima?», si chiedono alcuni pentastellati. C’è chi sottolinea che senza il saldo totale dei 450mila euro richiesti nulla si muoverà. Ecco perché una soluzione «in pochi giorni» viene considerata anche dentro al M5S «un’impresa ardua».

Conte annuncia anche di aver ultimato il nuovo statuto, che prevederà alcuni organi da votare. L’ex premier allude alla segreteria centrale (in cui siederanno anche i quattro ministri M5S) e quelle regionali. Oltre a queste ci sarà — in uno schema che ricalca altri partiti — da dare il via libera all’assemblea dei territori e a quella nazionale.

Ma la vera novità riguarda Beppe Grillo. Dopo il video in difesa del figlio, è prevalsa l’idea di limitare i poteri del garante. Il ruolo verrà ridimensionato: Grillo non avrà più possibilità di veto secondo le indiscrezioni. Una scelta che potrebbe portare a un’ulteriore clamorosa svolta. In ambienti genovesi circola la voce che il garante (anche sulla scorta di motivazioni personali) potrebbe lasciare. Voci per ora che rendono ancora più nebulosa questa transizione.

Nessun commento:

Posta un commento