Anglotedesco

Anglotedesco

lunedì 31 maggio 2021

Il premier libico in Italia a discutere di sicurezza ma anche di affari

 


di Lucrezia Clemente

La questione migratoria e il rilancio dell'economia sono i temi al centro della visita del premier libico Abdul Hamid Dabaiba a Roma, la prima ufficiale in Italia da quando ha assunto la carica di primo ministro. Dabaiba, che è accompagnato da una delegazione di ministri libici, parteciperà questa mattina al Business Forum organizzato dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio, insieme a una rappresentanza di imprese italiane, e proseguirà nel pomeriggio con l'incontro con il presidente del Consiglio Mario Draghi a Palazzo Chigi. Di Maio lo ha accolto ieri sera all'aeroporto di Ciampino.La visita arriva a tre giorni dalla missione di Di Maio a Tripoli con il Commissario Ue per il Vicinato e l'Allargamento Oliver Varhelyi e il ministro degli Esteri di Malta Evarist Bartolo, e a circa un mese di distanza dal viaggio in Libia di Draghi, il primo all'estero del leader italiano. Una delle priorità del governo di Tripoli è quella della sicurezza dei confini meridionali per arginare il flusso di migranti illegali in partenza dalle sue coste.«L'intero problema inizia nel sud», ha affermato nei giorni scorsi la ministra degli Esteri Najla Mangoush trovando appoggio in Di Maio. «È molto importante passare da una logica incentrata esclusivamente sul controllo della frontiera marittima a una strategia più ampia che includa anche la capacità di controllo degli ingressi irregolari dalla frontiera meridionale», ha detto il titolare della Farnesina al termine della sua visita a Tripoli sottolineando che «tutte le attività devono essere svolte nel pieno rispetto degli standard internazionali e dei diritti umani». Di Maio ha poi sottolineato l'impegno dell'Italia e dell'Ue per la pace e la stabilità della Libia a sostegno dell'Autorità unificata transitoria, che guiderà il Paese fino alle prossime elezioni generali in programma per il 24 dicembre.Sebbene la Libia, dopo dieci anni di conflitto, abbia trovato un nuovo equilibrio politico con l'insediamento del governo transitorio, la presenza dei mercenari e l'ingombrante figura del generale Khalifa Haftar, che sabato ha organizzato una parata militare, minacciano gli sforzi di pacificazione.Tema centrale della visita di Dabaiba è anche il rilancio economico del Paese. Al Business Forum partecipano Snam, Saipem, Terna, Ansaldo Energia, Fincantieri, PSCáGroup, Italtel, Leonardo, WeBuild, Gruppo Ospedaliero San Donato, Cnh Industrial, ed Eni. L'ad di Eni Claudio Descalzi aveva già incontrato il premier libico durante il suo viaggio a Tripoli a fine marzo per discutere delle attività nel Paese della società, che rappresenta il primo produttore di gas in Libia e il principale fornitore di gas al mercato locale

Nessun commento:

Posta un commento