Anglotedesco

Anglotedesco

venerdì 14 maggio 2021

Il turismo riaccende i motori



di Ronny Gasbarri

Il conto alla rovescia è ormai agli sgoccioli. L'Italia tornata quasi tutta in zona gialla si appresta non soltanto a ulteriori aperture ma anche a ridare slancio al turismo, settore tra i più colpiti dalla pandemia di Covid. Da lunedì, infatti, in base all'ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza, chi arriverà dai paesi dell'Unione europea e dell'area Shengen oltre che dalla Gran Bretagna e da Israele non dovrà più sottoporsi al sistema di mini quarantena di cinque giorni. Servirà un tampone, molecolare o antigenico rapido, nelle 48 ore precedenti all'ingresso in Italia. Con un'altra ordinanza, poi, sono stati rafforzati i voli cosiddetti "Covid tested", che consentono a chi si sottopone a test molecolare o antigenico prima della partenza e allo scalo di destinazione di evitare la quarantena o l'isolamento fiduciario all'arrivo. La sperimentazione di questi voli viene estesa agli aeroporti di Venezia e Napoli, oltre che a Milano e Roma, ampliando così i Paesi di provenienza a Canada, Giappone, Emirati Arabi Uniti, oltre agli Stati Uniti.

PORTE APERTE A STATI UNITI

Giappone ed emirati arabiLo stop alla quarantena è ovviamente accolto con favore dal ministro del Turismo Massimo Garavaglia, che condivide la scelta di Speranza parlando di «una scelta attesa da tempo e che, nella sostanza, anticipa di fatto il lasciapassare europeo». Garavaglia esprime anche soddisfazione per l'estensione della sperimentazione dei voli "covid-tested" ai turisti extra europei: «Una iniziativa che apre le porte dell'Italia ai turisti provenienti da Stati Uniti, Canada, Giappone ed Emirati arabi uniti».

SI TORNA NELLE SPIAGGE E NELLE PISCINE ALL'APERTO

Da oggi poi l'Italia in cerca d'estate sarà in parte "accontentata" dalle riaperture di spiagge e piscine all'aperto. I primi stabilimenti balneari sono pronti a inaugurare la stagione accogliendo i clienti secondo i rigidi protocolli di sicurezza. Lunedì poi a Palazzo Chigi Mario Draghi riunirà la cabina di regia che dovrà stabilire le date di apertura per i centri commerciali nel weekend, le consumazioni al bancone dei bar e il ritorno all'attività dei parchi tematici. Cresce l'attesa anche per quanto riguarda il settore dei matrimoni, ancora in attesa di una data per dare il via ai banchetti di nozze. Alla fine, complice il miglioramento dei dati grazie alla campagna vaccinale, il settore potrebbe rimettersi in moto dal fine settimana del 12 giugno.

COPRIFUOCO ALLENTATOGRADUALMENTE

Il centrodestra di governo, ma anche Italia Viva, spinge per un generale allentamento delle misure. Matteo Salvini da settimane sull'argomento è chiaro, continua a chiedere l'eliminazione «il prima possibile» del coprifuoco, «come già avvenuto in tanti paesi europei». «Le occupazioni in terapia intensiva sono al 21 per cento, l'unica regione sopra il 30, di poco, è la Toscana, tutto il resto d'Italia è sotto controllo. Bisogna fidarsi degli italiani, che non faranno pazzie né follie» assicura il leader della Lega che per oggi ha convocato un vertice fra ministri, governatori, sindaci e amministratori della Lega: l'obiettivo è il piano di riaperture di tutte le attività, al chiuso e all'aperto, di giorno e di sera, superando il limite delle 22. Draghi però ha già sposato la linea della «ripartenza graduale», e quindi dal 24 maggio si dovrebbe arrivare a un allungamento di un'ora: tutti a casa quindi dalle 23 alle 5 di mattina. 

IL CRONOPROGRAMMADELLE RIAPERTURE

Nel cronoprogramma delle riaperture ci sarà poi dall'1 giugno il via libera nelle Regioni in zona bianca e gialla alle palestre e ai pranzi al chiuso nei ristoranti. Dal primo luglio, infine, ripartono congressi e convegni. Stesso discorso per parchi divertimento e acquatici, che chiedono tuttavia di poter anticipare la riapertura di qualche settimana.

Nessun commento:

Posta un commento