Anglotedesco

Anglotedesco

sabato 29 maggio 2021

MATTEO RENZI:“Gesto importante e l’aveva già fatto in privato Il populismo sta finendo”



da LA REPUBBLICA del 29 maggio 2021

Senatore Matteo Renzi, come valute le scuse di Luigi Di Maio all’ex sindaco di Lodi, Simone Uggetti?

«È un passo avanti verso la civiltà.

Piccolo passo per noi garantisti, grande passo per i grillini, che hanno costruito il proprio successo sul VaffaDay e sull’aggressione giudiziaria nei confronti degli avversari. Oggi il loro ex capo ammette l’errore e si scusa».

Pensa che sia sincero?

«Lo spero. Nel 2016 ci fu una strategica aggressione contro di noi.Tempa Rossa, dove furono attaccati Federica Guidi e Claudio De Vincenti, Banca Etruria, con il padre della Boschi poi archiviato da tutte le accuse, non ci fu solo Lodi. Quel clima, creato da Di Maio, Di Battista e Casalino contro il mio governo, ha portato i grillini alle vittorie di Roma e Torino prima e del referendum poi».

Coglievano lo spirito del tempo.

«Peggio, lo costruivano, radicalizzando lo scontro. Noi dipinti come i disonesti, loro i buoni.Ignorando il principio di Benedetto Croce: in politica la vera onestà è la capacità di fare le cose. Di Maio oggi riconosce che lui fu il primo responsabile di quella campagna.Con noi lo aveva già fatto privatamente, oggi c’è un’assunzione di responsabilità pubblica che mi sembra importante».

Perché ha deciso proprio adesso di dire no alla gogna?

«Perché sta cambiando tutto. Il passaggio da Conte a Draghi - che Italia Viva ha voluto e promosso contro tutti - è un cambio d’epoca.Oggi il Paese è più tranquillo e la gogna non funziona. Del resto può ritorcersi contro, come dimostra la vicenda del figlio di Beppe Grillo».

Qual è la sua risposta politica?

«Dobbiamo incoraggiarli ad abbracciare il garantismo e respingere il giustizialismo per sempre. Noi che siamo state le vittime di quella stagione siamo pronti a tendere la mano a condizione che si riconosca la verità. E si cambi approccio».

La sua rottamazione non era una forma di populismo?

«Non scherziamo. La rottamazione era la ricerca di una radicale discontinuità politica, non un attacco alle persone. Ha prodotto il Jobs Act, la parità di genere al governo, le unioni civili, l’industria 4.0. La rottamazione era politica, il giustizialismo è barbarie».

Uno degli slogan della sua campagna referendaria era: “Meno poltrone, meno politici”. Lo ridirebbe?

«Sì. Fin dalla prima Leopolda io dicevo meno politici e più politica: non è populismo, è buon senso. Oggi è sempre più chiaro quanto il referendum servisse specie sui poteri delle Regioni. Ma l’aggressione personale di allora rese impossibile un dibattito razionale.Ormai è passato, ma io credo che tornerà presto d’attualità la riscrittura delle regole, tutti insieme».

Nel 2013 lei aveva chiesto le dimissioni della Cancelleri per l’interessamento al caso di Giulia Ligresti. Non era giustizialismo?

«No. Lì c’era un ministro - il cui figlio era dirigente dell’azienda sotto i riflettori - che telefonava alla famiglia di una persona imputata dicendo che l’inchiesta era assurda.Un ministro non fa una cosa del genere: mai. Garantismo significa rispettare gli indagati, non difenderli».

Toninelli ha detto che non bisogna chiedere scusa. L’M5S reggerà alla svolta di Di Maio?

«No. Ma la divisione tra Di Maio e Toninelli è effetto di questa situazione, non causa. Il Movimento ha cambiato idea su tutto: Olimpiadi, Tap, Europa, ponte sullo stretto, alleanze. Il giustizialismo era l’ultimo baluardo. Ora è crollato, il grillismo è morto. Nascerà una nuova cosa, con un nuovo simbolo e una battaglia tra Conte e di Maio sulla leadership, ma nulla sarà come prima».

È l’inizio della fine del populismo italiano?

«Magari. Il populismo è un fenomeno ciclico. Negli anni Novanta la Lega agitava il cappio in Parlamento. E già negli anni Settanta Aldo Moro diceva che la Dc non si sarebbe fatta processare nelle piazze. Il populismo purtroppo va e viene, ma non scompare mai».

Farebbe un’alleanza con i 5S?

«I Cinquestelle, così come li abbiamo conosciuti, sono finiti. Con giustizialismo e populismo noi non faremo alleanze, neanche elettorali.Da qui al 2023 nasceranno forze nuove sia a destra che a sinistra. E i giochi si faranno dopo le elezioni del presidente della Repubblica. Se Draghi governerà bene, come io credo, anche la bolla mediatica di Giorgia Meloni si sgonfierà».

Nessun commento:

Posta un commento