Anglotedesco

Anglotedesco

giovedì 13 maggio 2021

Traffico di uomini e carte false. L'idoneità aviaria per 50 euro

 



Era un traffico di uomini e di carte false. Perché se serve un certificato ad hoc, per lavorare negli allevamenti di pollame, servivano anche 50 euro per pagare quel certificato falso di idoneità. Traffico di uomini e carte false nell'inchiesta di Verona, parallela a quella conclusa dagli inquirenti di Ferrara. Una inchiesta diventata la coda, nel Veronese, delle indagini sul caporalato che è scoppiata nel Ferrarese per l'intervento di bonifica all'Eurovo di Codigoro. L'indagine a suo tempo vide addirittura l'arresto di sei persone oltre che uno dei "caporali", cittadino marocchino che abita nel Veronese, coinvolto nell'indagine di procura e finanza di Ferrara. C'era anche lui sul pullmino la notte della tragedia di Cassana del 2017, di ritorno da Codigoro, dal lavoro all'Eurovo. E da qui partì l'inchiesta di Verona. Con misure cautelari, allora, a carico di un medico legale in pensione, competente in medicina del lavoro, due suoi collaboratori, due impiegati dell'Inps di Verona e un finanziere. Proprio il medico legale forniva le certificazioni necessarie per l'idoneità al lavoro, da fornire ovviamente a migrati irregolari o italiani per lavorare in nero.Gli arresti che scattarono allora ruotano attorno al modo in cui venivano "arruolati" gli stranieri, grazie ai certificati compiacenti, stilati da medici e funzionari pubblici. Se uno straniero era privo di documenti d'identità o del permesso di soggiorno (tra essi anche italiani, assunti in nero) venivano regolarizzati con carte false. Venivano forniti anche certificati sanitari falsi, prodotti anche per attività rischiose, come quelle negli allevamenti colpiti da aviaria, come l'Eurovo. 

Nessun commento:

Posta un commento